Skip to content

Cart

Your cart is empty

Article: LA VENETO GRAVEL 2024 DEI GRAVELLATA

LA VENETO GRAVEL 2024 DEI GRAVELLATA

Ogni anno viviamo una Veneto Gravel diversa: a volte pedaliamo da soli, a volte non ci fermiamo e pedaliamo tutta la notte. Quest’anno invece è stato l’anno della VG con i nostri amici e per i nostri amici. Luca e Giulia sono due persone perfette per condividere un cicloviaggio. Abbondante colazione tutti assieme a casa di Giulia e alle 7 eravamo tutti e 4 allineati in partenza! 

Siamo partiti puntuali al sabato mattina da Bassano del Grappa, con gli occhi un pò sul navigatore ed un pò sul cielo. Il meteo non è certo quello di un fine aprile. Alle 7 della mattina l’aria è frizzante. Guardiamo il cielo, tutti i meteo convergono nel dire che al pomeriggio troveremo la pioggia. Timbriamo il primo check con le mani fredde e qualche sprazzo di azzurro sopra di noi.

Il percorso è subito veloce, con tanto vento contro ed in Valstagna non becchiamo nemmeno un raggio di sole. Dopo un’ora e mezza circa raggiungiamo Corlo, attraversiamo il lago e finalmente entriamo in Val Belluna, dove troviamo i primi raggi di sole. Via gli antivento, via i gilet, si inizia a star bene. Dopo una veloce -seconda- colazione iniziamo ad attraversare Fonzaso, Feltre fino a Belluno. In questo tratto il percorso è molto bello, si pedala facile e al più troviamo solo qualche breve salita.

Pedaliamo in stradone bianche, stradine strette, piccoli borghi e tante ciclabili. Intorno a noi le montagne ma soprattutto tanti ciclisti. Si parla, ci si confronta, si conosce. Si guarda il cielo ogni tanto. A Belluno mangiamo un panino e beviamo una Coca Cola. Al volo! Ripartiamo e timbriamo il secondo checkpoint da Robi Bike. La giornata è splendida, almeno dove siamo noi, verso la pianura dei nuvoloni. Non ci preoccupiamo e continuiamo a pedalare, siamo nel punto più a Nord del percorso e forse uno dei punti più belli della nostra Veneto Gravel Short Beach! Questo punto del percorso è magico, si pedala quasi esclusivamente su ciclabili, asfaltate e sterrate, fino al Lago di Santa Croce.

Discesa veloce e siamo a Vittorio Veneto, da qui questa Veneto Gravel diventerà davvero Beach: puntiamo verso il mare, a Caorle, pedalando su tantissimi argini e single track. Il pomeriggio vola via, come le nuvole e ci godiamo un tramonto stupendo, infuocato. Atterriamo a Caorle alle 20; abbiamo indossato qualcosa che era finito sulle borse dopo il sole di Belluno, l’aria è tornata fresca. Abbiamo pedalato con un setup leggero, poche cose che abbiamo utilizzato tutte, questo vuol dire aver azzeccato ed ottimizzato il peso dell’attrezzatura.

Niente scarpe o sandali o ciabatte, le nostre Udog Distanza sono perfette per questo tipo di avventura: scesi dalla bicicletta a Caorle sono state le nostre alleate in pizzeria e poi in hotel. Comode che non sembra di avere delle scarpe da bici ai piedi, anche quando si compiono operazioni quotidiane, come entrare in un market e acquistare delle bottiglie di acqua o delle Haribo!

Il secondo giorno è in discesa, anzi, tutta pianura. Ci gustiamo il mare di prima mattina, dei single track veloci tra i pini marittimi e poi la Ciclabile lungo il Sile. Il ritorno verso Bassano del Grappa procede veloce su un percorso molto scorrevole. Le nuvole aumentano, era destino: finiamo la nostra avventura lungo i sentieri del Fiume Brenta sotto una pioggia battente. Per fortuna dura poco e concludiamo i 400km camminando sul Ponte degli Alpini a Bassano con qualche raggio di sole.

La nostra avventura è sul nostro canale YT, ve la lasciamo qui:

 ➡️ shorturl.at/m2cnK

*keep pedaling

Read more

Tour of Flanders 2024: A Tale of Triumph Amidst Chaos - UDOG

Tour of Flanders 2024: A Tale of Triumph Amidst Chaos

The Tour of Flanders is renowned for its challenging terrain and unpredictable weather, and the 2024 edition was no exception. As rain poured down, creating chaos on the legendary Koppenberg, cycli...

Read more